Nei precedenti articoli abbiamo visto come classificare le aziende, che tipologie di organizzazioni esistono e come si governano le imprese.

Abbiamo visto le aziende da dentro, come se fossero delle entità isolate dal mondo, ma sappiamo benissimo che così non è.

Sappiamo che esiste una relazione tra impresa ed ambiente. No, non sto parlando della natura, cioè, non solo.

L’azienda interagisce con l’ambiente che la circonda altrimenti non potrebbe sopravvivere da sola. Non potrebbe espletare il suo ruolo che è quello di portare valore.

Andiamo a vedere, quindi, in questo articolo andremo a vedere come impresa ed ambiente lavorano insieme per portare il maggior valore possibile a tutti gli stakeholder.

Il concetto di ambiente

“Luca, ma cosa c’entra questa lezione di economia con la vendita?”

Se non abbiamo mai sentito parlare di analisi PESTEL (o PEST), probabilmente la domanda è anche giusta. Se, invece, la conosciamo, dovremmo sapere che ci sono tanti fattori esterni che possono influire sulle decisioni che intraprendono le aziende.

Ecco quindi che entra in gioco il concetto di ambiente: il contesto all’interno del quale l’azienda è chiamata a svolgere le sue funzioni. E’ l’insieme di variabili esterne all’azienda che possono influire il comportamento della stessa.

Relazione tra impresa ed ambiente

L’impresa si trova a vivere all’interno di questo ambiente e scambia beni e servizi per produrre ricchezza. L’impresa si comporta proprio come un sistema, con degli input e degli output.

Nel sistema impresa si possono gli input sono ricevuti dall’ambiente che ne influenzano la struttura, l’attività e i risultati dell’impresa. Questa influenza è tale da produrre degli output che andranno nuovamente ad alimentare il sistema impresa.

In particolare, identifichiamo:

  • il macroambiente: l’insieme di regole e vincoli con la quale le imprese possono fare scambi nel mercato;
  • il microambiente: i marcati con ci l’impresa attiva gli scambi di input ed output.

Macroambiente

Abbiamo detto che il macroambiente è quello che regola e vincola gli scambi che le aziende possono fare.

Dentro questo ambiente ci sono diversi aspetti e quindi dei sotto-ambienti, che sono:

  • economico
  • politico ed istituzionale
  • socio-culturale
  • tecnologico
  • demografico

Tutto questi ambienti influenzano le aziende ed impattano sia a livello nazionale che a livello globale.

Microambiente

All’interno del macroambiente abbiamo il microambiente e cioè l’interfaccia tra impresa e mondo esterno. Al suo interno giocano diversi attori:

  • l’impresa: che si muove sul mercato
  • i fornitori: che verranno valutati in base alla qualità del servizio e del prodotto offerto
  • gli intermediari: che avranno in carico alcune attività dell’azienda come la vendita, il marketing, la logistica, l’amministrazion, etc
  • i clienti: ai quali l’azienda propone le sue soluzioni
  • i concorrenti: che cercheranno di ridurre la quota di mercato dell’azienda;
  • gli interlocutori: chiunque si faccia portavoce per l’impresa.

Inoltre non possiamo dimenticare il coinvolgimento del mercato:

  • dei prodotti e servizi
  • delle materie prime
  • finanziario
  • del lavoro
  • delle tecnologie
  • le forze sindacali
  • fiscale.

Il microambiente possiamo ulteriormente suddividerlo in:

  • ambiente transazionale: sono tutte quelle scelte che spingono ad internalizzare o esternalizzare determinate attività;
  • ambiente competitivo: la capacità di collocare i bene ed i servizi sul mercato.

Il sistema competitivo

Nella relazione tra impresa ed ambiente come possiamo non far riferimento al sistema competitivo.

Quando un’azienda vuole introdurre sul mercato (un ambiente esterno quindi) un prodotto o servizio, deve individuare gli attori che potrà incontrare ed il tipo di competizione che dovrà affrontare.

Tra gli attori, abbiamo:

  • concorrenza: che può avere una forma conflittuale o collaborativa;
  • clientela: che può essere forte o debole
  • fornitori: i cui rapporti possono essere contrattuali od integrali
  • produttori dei prodotti sostitutivi
  • potenziali imprenditori che possono entrare nel settore.

Tipologie del sistema competitivo

Prima di parlare delle tipologie di competizione, dobbiamo introdurre le variabili del sistema competitivo:

  • la differenziazione: la capacità di differenziare i prodotti messi sul mercato;
  • la sostenibilità dei vantaggi competitivi: la capacità di mantenere i vantaggi rispetto ai concorrenti.

Basandoci su queste variabili, abbiamo 4 tipologie di sistemi competitivi:

  • frammentato: c’è un’elevata possibilità di differenziazione, ma i vantaggi competitivi sono poco sostenibili in quanto è facile l’imitazione (ad esempio mobile, tessile, abbigliamento, etc);
  • di specializzazione: ci si differenzia in un mercato frammentato così è difficilmente imitabile (alta moda, etc);
  • di volume: occorre produrre elevati volumi al fine di ottenere una buona redditività aziendale (pc, automotive);
  • bloccato: c’è un crollo della domanda e nessun’impresa può continuare a operare sul mercato.

Il sistema degli interlocutori

Abbiamo detto che l’azienda prende le risorse dall’ambiente e fornisce dei prodotti al sistema competitivo.

Ma c’è un altro sistema da tenere in cosiderazione ed è quello degli interlocutori. Questi sono tutti gli esponenti dell’azienda e possono essere:

  • interni: rappresentati della proprietà, azionisti di maggioranza, il management, etc
  • esterni: i sindacati, i lavoratori, lo Stato, gli enti finanziatori, etc

Conclusioni

In questo articolo abbiamo trattato la relazione tra impresa ed ambiente. Abbiamo visto gli aspetti legati al macroambiente ed al microambiente e il sistema competitivo.

Tutti questi argomenti ci serviranno quando dovremmo andare ad analizzare il nostro territorio commericale e fare il profiling aziendale. Sapere come si muove l’impresa in un ambiente è importante per fare una corretta analisi dei nostri prospect.

Vi lascio questo breve, ma simpatico video che ci racconta la relazione tra impresa ed ambiente:

Relazione tra impresa ed ambiente

Hai trovato l’articolo interessante? Ti ha aiutato, fornito una conoscenza in più? Condividi su twitter e facebook e scrivi la tua opinione nei commenti. Sharing is caring.

Cover Photo by Singkham from Pexels

About the Author

Luca Esposito

Tecnologia e web contro vendita e crescita personale. Se da una parte abbiamo il mondo del logico, dall'altra abbiamo quello emotivo. Da queste mie passioni è nato questo blog. Leggo, apprendo, provo e ne scrivo il risultato!

View All Articles